Progetti

Progetti dell’Istituto per l’arricchimento dell’offerta formativa.

ProgettiDescrizione
Olimpiadi della Chimica, della Fisica e della MatematicaLa scuola aderisce a queste iniziative per consentire ai nostri giovani di confrontarsi con i coetanei delle scuole superiori di tutto il resto d’Italia.Si tratta di iniziative rivolte prevalentemente ai ragazzi della fascia dell’eccellenza e rappresentano un ottimo stimolo esterno all’approfondimento. Si articolano in una fase di Istituto, una provinciale-regionale, una nazionale e una internazionale.
Olimpiadi di ItalianoGare individuali di lingua italiana, rivolte a tutti gli alunni degli istituti secondari di secondo grado.Si articolano in una fase di Istituto, una provinciale-regionale, una nazionale e una internazionale.
Corso di riflessione sulla lingua italianaI docenti del Dipartimento di Lettere dell’Istituto organizzano, nei giorni che precedono l’inizio di ogni anno scolastico, un corso di riflessione sulla lingua italiana, incentrato su alcuni fondamentali elementi di grammatica.Gli obietti dell’attività sono:- favorire il recupero di conoscenze pregresse;- stimolare la riflessione attraverso la problematizzazione;- risolvere dubbi non sciolti.Oltre all’aspetto puramente disciplinare, questo intervento didattico – che solitamente si articola in quattro incontri della durata di due ore – offre l’opportunità di comporre gruppi misti di alunni iscritti ai diversi indirizzi presenti nell’Istituto. In questo modo vengono create anche occasioni socializzanti, che agevoleranno l’avvio dell’anno scolastico, solitamente vissuto dagli studenti entranti con una certa trepidazione. 
Progetto Quotidiano in classeIl progetto prevede la lettura settimanale in classe di quotidiani forniti gratuitamente dall’Osservatorio Permanente dei Giovani Editori. Viene eseguita un’analisi delle due testate giornalistiche (Il Corriere della Sera – L’Adige – IL Sole 24ore) e un’analisi di articoli scelti dal singolo docente.Obiettivo del progetto è quello di avvicinare i giovani alla lettura dei quotidiani, di far loro apprendere una capacità critica nel vaglio delle informazioni e di condurli all’acquisizione di un linguaggio giornalistico, utile alla produzione di testi scritti.Oltre a portare vantaggi grazie alla lettura dei giornali, infatti, il progetto “il quotidiano in classe” s’inserisce perfettamente nella programmazione interdisciplinare sia del biennio che del triennio fornendo un utile punto di partenza per l’esercizio di scrittura di articoli di giornale (tipologia B della prova di esame di stato).
Progetto LingueIl progetto è articolato in più moduli organizzativi:certificazioni linguistichelettori madrelingua (codocenze e corsi pomeridiani)settimane linguistichestage formativi e scambi con l’esteroprogetti europei on-line e in presenzascambi di docentiolimpiadi di inglese
Il nostro Istituto offre la possibilità di sostenere nella sede di Cavalese gli esami di certificazione per la lingua inglese, la lingua tedesca e la lingua russa. Per l’esame di certificazione di francese e di russo gli studenti si devono recare in sede diversa. La preparazione per tutte le lingue viene curata dagli insegnanti di madrelingua sia durante le lezioni mattutine (a seconda degli indirizzi) che attraverso specifici corsi pomeridiani. La scuola contribuisce nella misura del 30% al costo di iscrizione agli esami di certificazione se gli stessi vengono superati. Annualmente il Consiglio dell’Istituzione può stabilire misure di compartecipazione diverse viste le compatibilità finanziarie. Le certificazioni che gli studenti possono preparare e sostenere sono:IngleseCambridge PET (livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)Cambridge FCE (livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)Cambridge CAE (livello C1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)TedescoGoethe Zertifikat  (livello B1 – B2 – C1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)FranceseAlliance Française (livello B1 e B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)RussoTBU (livello A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)TRK11 /livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento)
Anno di studio all’estero
La normativa di riferimento per la frequenza di un anno all’estero di studenti italiani è costituita da:-art.192, comma 3, del D.L.vo 297/94;-C.M. 181 del 17.03.97, avente per oggetto “Mobilità studentesca internazionale”.-C.M. 236 del 8.10.99 avente come oggetto “Mobilità studentesca internazionale ed esami di stato” -L.P. 11 agosto 2014 e relativo allegato (indicazioni provinciali)
La norma prevede i seguenti adempimenti per il momento in cui lo studente chiede la riammissione alla classe successiva:-presentazione del titolo di studio conseguito all’estero;-esame della documentazione da parte del Consiglio di classe che deciderà l’ammissione diretta oppure subordinata ad esperimenti e prove sulle materie non studiate all’estero.La legge esclude, quindi, il ricorso ad esami di idoneità.La deliberazione del Consiglio di classe relativa all’ammissione è definitiva e non più soggetta alla ratifica da parte del MPI (C.M. 67 del 7.3.92 – che modifica la C.M. 400 del 31.12.91).Sulla frequenza di un anno all’estero di uno studente italiano è intervenuta anche  la C.M. 181 del 17.03.97 che riconosce la validità delle esperienze di studio compiute all’estero da alunni italiani delle scuole secondarie di 2° grado ai fini della riammissione nella scuola di provenienza e invita la scuola italiana ad acquisire direttamente dalla scuola straniera che lo studente interessato frequenterà  informazioni sui piani e programmi di studio e sul sistema di valutazione.Il contatto preliminare tra la scuola italiana e quella estera è importante perché consente, tra l’altro, di predisporre le misure necessarie per il rientro dello studente e di conoscere programmi di studio e sistemi di valutazione diversi dal nostro.Dalla normativa vigente e dalla pratica degli scambi, si ricavano le seguenti indicazioni operative per i consigli di classe, i quali devono assicurare agli studenti che intendono frequentare un anno all’estero:Per la partenza:pareri espliciti e motivati sui livelli della loro formazione considerata in relazione alla complessità dell’esperienza all’estero e del reinserimento nel corso di studi;una fotografia del rendimento dello studente al momento della comunicazione alla scuola della decisione dello studente di concorrere per un periodo di studi all’estero (particolarmente importante nel caso siano presenti gravi lacune in una o più discipline);indicazioni di studio e di ricerca su discipline non presenti nel curricolo della scuola straniera;scambio reciproco e costante di informazioni con la classe di provenienza;Per il rientro:ammissione all’ultimo anno a seguito di un colloquio serio ma non nozionistico sulle materie non studiate all’estero (non esame di idoneità);attenersi al principio che per la riammissione non va sanzionato ciò che manca, ma va riconosciuto ciò che lo studente ha fatto;prevedere che lo studente riammesso presenti e discuta in classe una relazione sulla sua esperienza nella scuola straniera.
Per quanto concerne l’attribuzione del credito scolastico, introdotto dalla nuova normativa sugli esami conclusivi di Stato, la materia è stata regolamentata dalla C.M. 236 del 08.10.99 che, in apertura, richiama la C.M. 181 del 17.3.1997.Per il rientro dello studente italiano che ha frequentato un anno all’estero, è opportuno ricordare che le indicazioni provinciali non richiedono alcun esame di idoneità, ma assegnano al consiglio di classe il compito di deliberare circa la riammissione dello studente in base a due elementi:l’esito degli studi compiuti presso la scuola esterail risultato di un’eventuale prova integrativaCoerentemente con queste indicazioni, le indicazioni provinciali affidano al Consiglio di Classe l’organizzazione dell’accertamento (non esame di idoneità) sulle materie non studiate all’estero. Il Consiglio di Classe poi individua la banda di oscillazione del credito scolastico sulla base della media complessiva dei voti espressi dalla scuola estera e dalle prove integrative.Per le valutazioni conseguite all’estero: vanno prese in considerazione solo le discipline comuni rispetto all’indirizzo frequentato dallo studente nel nostro istituto; la valutazione della scuola straniera dovrà essere rapportata al nostro sistema di valutazione.
Può verificarsi il caso che in qualche materia non studiata all’estero, lo studente presenti delle lacune. Ciò non può rappresentare un ostacolo insormontabile per la riammissione in ragione del fatto che:le prove integrative o “accertamento” non sono un esame di idoneità;il Consiglio di classe deve formulare una “valutazione globale” (e non fare la media dei voti!) che tenga conto dell’esito delle prove integrative o “accertamento” e della valutazione espressa dalla scuola estera. La presenza di eventuali discipline insufficienti nelle prove integrative o nei corsi seguiti all’estero determinerà l’attribuzione del credito minimo di fascia. 
Corso di FotografiaIl Corso vuole fornire i mezzi per comprendere in maniera più approfondita l’ambito della fotografia, per stimolare un uso più consapevole delle proprie capacità di espressione, attraverso la conoscenza degli aspetti tecnici della fotografia e la loro applicazione nell’uso pratico. Senza tuttavia tralasciare il versante creativo e quello storico di questo genere artistico.
Progetto Canto CoraleIl progetto ideato dal Coro Genzianella di Tesero mira al coinvolgimento degli studenti dell’Istituto attraverso la pratica del canto corale con lo scopo di farli avvicinare alla musica e al canto in particolare.Il coro dell’Istituto, sotto la guida del maestro Diego Cavada, prova una volta a settimana dopo l’orario curricolare in un’aula della scuola adibita a sala prove.Il repertorio spazia dai canti popolari a brani di musica contemporanea.Nel corso dell’anno scolastico è prevista la partecipazione degli studenti a concerti e manifestazioni.
Rivista ArcimboldoQuesto progetto nasce più di dieci anni fa con l’intento didattico-formativo di dar voce ad una necessità di espressione, comunicazione e visibilità, in primis dell’Istituto, in seguito dei suoi studenti e docenti.
Visita la sezione dedicata
Corso di GrecoE’ un corso di Greco antico strutturato in due livelli: principianti ed avanzati.Come è noto, la lingua greca è una delle più antiche del mondo occidentale e, dopo più di tremila anni di vita, continua ad esistere in moltissimi termini di ambito scientifico, medico e di molti campi di studio.Attraverso questo corso, si apprenderà la morfologia essenziale della lingua greca e si approfondirà l’origine etimologica di tantissimi termini che appartengono ai linguaggi settoriali così come al lessico comune. Inoltre agilmente si tradurrà dal greco al latino, poiché l’esercizio intellettuale stimolerà giovani studenti liceali a cogliere le omologie tra le due lingue classiche. Approfondendo la conoscenza di una lingua, inevitabilmente si scoprono anche le caratteristiche peculiari della civiltà a cui essa appartiene, e ciò si rivela straordinariamente interessante poiché in Grecia nacquero la scienza, la filosofia, la retorica, la letteratura. 
Laboratorio di movimento espressivoLavoro sul linguaggio corporeo e l’espressività con i seguenti obiettivi:riconoscere il Movimento quale strumento privilegiato di comunicazione e relazione;utilizzare le potenzialità del linguaggio gestuale e motorio per comunicare in determinate modalità espressive;esprimere qualità personali quali autocontrollo,  impegno e assunzione di ruolo, autostima, sicurezza, partecipazione e determinazione;esprimere qualità sociali quali collaborazione, condivisione, coesione e senso di appartenenza, solidarietà.
Palestra ApertaGruppi Ludico-sportivi o attività individuale in Palestrina di Muscolazione  con i seguenti obiettivi:potenziamento dell’attività motoria delle ore curricolari;completamento di attività di gruppo sportivo.
Laboratorio di Hip-HopLa natura divertente e coinvolgente della danza Hip Hop crea uno spazio dove poter socializzare, sfogarsi, divertirsi , condividere emozioni. Permette a chi la pratica di esprimere la propria interiorità usando il linguaggio non verbale , aiuta a vincere la timidezza e a superare i propri limiti. Migliora il senso del ritmo e dello spazio, la coordinazione, il tempo di reazione e la consapevolezza della propria corporeità. Dà la possibilità di stringere legami ed è un’alternativa interessante alle discipline o sport in genere più praticati. Il progetto prevede la preparazione di coreografie finalizzate (ma non obbligatoriamente) alla partecipazione delle Olimpiadi della Danza.
Giochi sportivi studenteschiAttività sportive ed adesione ai giochi sportivi studenteschi. Gli studenti della scuola partecipano a diverse specialità fra le quali: corsa campestre, sci alpino e nordico, calcio, calcio a 5, pallavolo, ecc.Inoltre nel corso dell’anno scolastico vengono promosse attività previste in un piano annuale deliberato dal collegio dei docenti.
“Star bene a scuola”Il progetto si articola in quattro diverse iniziative:Servizio CICE’ un servizio finalizzato alla promozione del benessere e alla prevenzione del disagio a scuola. Si propone di offrire un piccolo spazio di ascolto rivolto a tutti gli studenti che ne avvertano il bisogno, nel totale rispetto della riservatezza. Il servizio consta di due parti essenziali. La prima destinata a realizzare un collegamento informativo ed operativo tra le diverse componenti scolastiche, ad ascoltare, raccogliere e decifrare le domande che provengono dagli studenti. La seconda parte del servizio è a cura di un consulente esterno (psicologo, psicopedagogista).Spazio genitori è uno spazio che risponde alla richiesta da parte dei genitori di un supporto che va oltre il colloquio individuale (udienze) teso soprattutto ad affrontare, non tanto gli aspetti della didattica, ma il rapporto con i figli. Un consulente esterno (psicologo) incontra i genitori su loro richiesta al mattino o al tardo pomeriggio.Educazione alla saluteComprende una serie di attività ideate per informare gli studenti di tutti gli indirizzi e le classi dell’istituto, che ha tra gli obiettivi principali l’introduzione di momenti di riflessione sui temi della salute e dei comportamenti responsabili, di fornire informazioni adeguate per poter aiutare gli studenti ad affrontare serenamente scelte complesse del periodo adolescenziale e prevenire comportamenti a rischio nei confronti della salute.Progetto “Alcooperiamo”Coinvolge le scuole e gli enti territoriali delle valli di Fiemme e Fassa per migliorare la sensibilità verso la prevenzione e la lotta contro l’abuso di sostanze alcoliche e per la diffusione di corretti stili di vita attraverso lo strumento della Peer Education.

Authors